Donne incinte

Fumare durante la gravidanza è un considerevole fattore di rischio, comunque tra i più facili da evitare, per il nascituro. Tante sostanze tossiche contenute nel tabacco possono penetrare nella placenta e quindi nella circolazione sanguigna fetale. Il Opens internal link in current windowmonossido di carbonio, ad esempio, impedisce l’assimilazione di ossigeno nel sangue, riducendo notevolmente così l’apporto di ossigeno al nascituro. Allo stesso modo le sostanze cancerogene raggiungono l’organismo fetale attraverso la placenta, dove possono provocare danni genetici. Sotto l’influenza della nicotina, il flusso sanguigno viene ridotto attraverso la placenta.

Tante donne sono motivate a smettere di fumare durante la gravidanza.  Gli specialisti sanitari dovrebbero sfruttare questa condizione ed aiutare la gestante nel suo tentativo di disassuefazione dal fumo.

Effetto del fumo sul futuro bambino

Fumare aumenta il rischio di numerose complicazioni e sviluppi anomali nel nascituro. Secondo un lavoro di sintesi, il fumo è responsabile per il 15% di tutti i parti prematuri e per il 20 - 30% di tutti i casi di basso peso alla nascita ed aumenta complessivamente la mortalità perinatale del 150%. 
In rischio aumenta in particolare per:

  • aborti spontanei (fino al 33%)
  • gravidanze extrauterine
  • distacco della placenta: fino al doppio del rischio
  • parti prematuri
  • placenta previa
  • rottura precoce delle membrane fetali
  • basso peso alla nascita: in media è – 200 g, con 1 – 5 sigarette al giorno – 120 g e con 20 sigarette al giorno – 350 g.
  • circonferenza della testa più piccola e crescita longitudinale ridotta
  • mortalità perinatale: > rischio doppio con 20 sig./giorno
  • difetti congeniti: rischio maggiore di 2,4 volte di malformazioni a labbra o palato
  • maggior numero di recettori nicotinici nel cervello
  • maggiore probabilità di consumare tabacco in età adolescenziale
  • possibili effetti prolungati fisici e psichici.

Un’importanza particolare è da attribuire al Opens internal link in current windowmonossido di carbonio, che pregiudica l’apporto di ossigeno al feto; infatti l’affinità del CO all’emoglobina fetale è particolarmente elevata e può essere eliminato dal feto solo in modo molto più lento di quanto accade in un fumatore attraverso la respirazione. Il monossido di carbonio rallenta la crescita fetale. 
Il fumo favorisce anomalie nei sistemi neurotrasmettitori ed aumenta il rischio di trombosi a seguito della poliglobulia. Il fumo promuove inoltre l’attivazione dei trombociti, la vasocostrizione e la rottura prematura delle membrane secondarie mediante inibizione della sintesi del collagene. I metalli pesanti, come il cloruro di cadmio, vengono associati ad anemia e lesioni dell’endotelio placentare che possono portare a disturbi della crescita. L’effetto tossico del cloruro di nichel può provocare cardiomiopatie. Negli animali (esposizione al catrame di topi femmine gravide), le N-nitrosammine in particolare causano mutazioni genetiche.

Conclusione

  • Le donne incinte dovrebbero rinunciare totalmente al fumo; prima si smette di fumare in gravidanza, meglio è.  
  • Le donne incinte dovrebbero essere aiutate nella disassuefazione dal tabacco e ricevere una consulenza dettagliata, applicando strategie basate sulle modifiche di atteggiamento e di comportamento.
  • Se però non si dovesse riuscire a smettere di fumare attraverso misure comportamentali e di sostegno, è opportuno consigliare preparati sostitutivi della nicotina, che sono associati a rischi molto inferiori rispetto alle sigarette.
  • Sono da preferirsi preparati sostitutivi della nicotina a breve durata d’azione (gomma da masticare, Microtab, compressa da sciogliere in bocca, inalatore), per ridurre il più possibile il tempo di esposizione del feto alla nicotina. Se si usano cerotti, il tempo di applicazione deve essere preferibilmente limitato a 16 ore.

Torna sù

Referenze

Konsensus-Papier Frankreich
http://www.has-sante.fr/portail/upload/docs/application/pdf/Grossesse_tabac_court.pdf

Einarson A et al, Smoking in pregnancy and lactation: a review of risks and cessation strategies, Eur J Clin Pharmacol. 2009

Crawford JT et al, Smoking cessation in pregnancy: why, how, and what next, Clin Obstet Gynecol. 2008 Jun;51(2). Review.

Pollak KI et al Nicotine Replacement and Behavioral Therapy for Smoking Cessation in Pregnancy Am J Prev Med 2007 33 (4).

Lumley J et al, Interventions for promoting smoking cessation during pregnancy Cochrane Database of Systematic Reviews 2004, Issue 4. CD001055.

Tong VT et al, Smoking Patterns and Use of Cessation Interventions During Pregnancy. Am J Prev Med 2008, 35 (4)

Vielwerth SE, et al. The impact of maternal smoking on fetal and infant growth. Early Hum Dev 2007;83

French GM, et al. Staying smoke free: an intervention to prevent postpartum relapse. Nicotine Tob Res 2007;9.

Nielsen A, et al. Maternal smoking predicts the risk of spontaneous abortion. Acta Obstet Gynecol Scand 2006;85.

Kyrklund-Blomberg NB, et al. Maternal smoking and causes of very preterm birth. Acta Obstet Gynecol Scand 2005;84

Ananth CV, et al, Influence of maternal smoking on placental abruption in successive pregnancies: a population-based prospective cohort study in Sweden. Am J Epidemiol 2007;166

Jaddoe VW et al. Maternal smoking and fetal growth characteristics in different periods of pregnancy: the generation R study. Am J Epidemiol 2007;165:

Shah T et al, Sudden infant death syndrome and reported maternal smoking during pregnancy. Am J Public Health 2006;96

Chiolero A et al, Association between maternal smoking and low birth weight in Switzerland: the EDEN study. Swiss Med Wkly 2005;135

Mc Cowen LME, Spontaneous preterm birth and small for gestational age infants in women who stop smoking early in pregnancy: prospective cohort study, BMJ 2009;338:

Wainer R. Tabagisme et fertilité ovarienne. Gynecologie Obstetrique & fertilité 2001;29 :1212, 881-87